Bitcoin
  € 15.775,12 (-1,77%)
Ethereum
  € 489,60 (-2,90%)
XRP
  € 0,49 (-4,72%)
Tether
  € 0,83 (-0,72%)
Litecoin
  € 69,31 (-4,42%)
Bitcoin Cash
  € 235,41 (-1,09%)
Chainlink
  € 10,96 (-3,95%)
Cardano
  € 0,13 (-3,03%)
Polkadot
  € 4,24 (-3,80%)
Binance Coin
  € 24,44 (-3,18%)
~
Bitcoin
  € 15.775,12 (-1,77%)
Ethereum
  € 489,60 (-2,90%)
XRP
  € 0,49 (-4,72%)
Tether
  € 0,83 (-0,72%)
Litecoin
  € 69,31 (-4,42%)
Bitcoin Cash
  € 235,41 (-1,09%)
Chainlink
  € 10,96 (-3,95%)
Cardano
  € 0,13 (-3,03%)
Polkadot
  € 4,24 (-3,80%)
Binance Coin
  € 24,44 (-3,18%)

CRIPTOVALUTE – Regno Unito

27 Ottobre 2020 -
CRIPTOVALUTE – Regno Unito

Sulle criptovalute, la Financial Conduct Authority (FCA) del Regno Unito ha assunto una posizione simile a quella Svizzera e degli USA.

In particolare, la task force congiunta fra HM Treasury, Financial Conduct Authority (FCA) e Bank of England, ha elaborato ad ottobre 2018 un rapporto nel quale, dopo avere esaminato i rischi e i potenziali benefici dei crypto-asset e dell’uso di tecnologia distributed ledger, ha esposto il piano di azione dell’Autorità.

A seguito di tale documento, il 23 gennaio 2019, la FCA ha avviato una consultazione pubblica sulla Guidance on Cryptoassets, con l’obiettivo di chiarire agli operatori di mercato in quale regolamentazione ricadono le diverse tipologie di crypto-asset.

Il risultati conseguiti al termine della consultazione, 5 aprile 2019, sono stati raccolti nella  Guidance on Cryptoassets, Feedback and Final Guidance to CP 19/3, che ricalca l’approccio adottato dalla Svizzera FinMA.

La FCA, inoltre, ha recentemente pubblicato le regole finali che vietano la vendita di derivati ​​e titoli negoziati in borsa (ETN) che fanno riferimento a determinati tipi di criptovalute ai consumatori al dettaglio.

La FCA, infatti, considera questi prodotti inadatti per i consumatori al dettaglio a causa del danno che rappresentano. Questi prodotti non possono essere valutati in modo affidabile dai consumatori al dettaglio a causa di:

  • natura intrinseca delle attività sottostanti, il che significa che non hanno una base affidabile per la valutazione;
  • prevalenza di abusi di mercato e criminalità finanziaria nel mercato secondario (es. cyber furto)
  • estrema volatilità nei movimenti dei prezzi delle criptovalute
  • comprensione inadeguata delle criptovalute da parte dei consumatori al dettaglio
  • mancanza di investimenti legittimi per i consumatori al dettaglio che investono in questi prodotti

Queste caratteristiche indicano che i consumatori al dettaglio potrebbero subire danni a causa di perdite improvvise e impreviste se investono in questi prodotti.

Le criptovalute trasferibili non regolamentate sono token che non sono “investimenti specificati” o moneta elettronica e possono essere scambiati, inclusi token ben noti come Bitcoin, Ether o Ripple. 

Gli investimenti specificati sono tipi di investimento specificati nella legislazione. 

Le imprese che svolgono particolari tipologie di attività regolamentate in relazione a tali investimenti devono essere autorizzate dalla FCA.

Per affrontare questi danni, la FCA ha stabilito regole che vietano la vendita, il marketing e la distribuzione a tutti i consumatori al dettaglio di qualsiasi derivato (cioè contratto per differenza – CFD, opzioni e futures) e ETN che fanno riferimento a criptovalute trasferibili non regolamentate da parte di aziende che agiscono in o da , il Regno Unito.

La FCA stima che i consumatori al dettaglio risparmieranno circa 53 milioni di sterline dal divieto di questi prodotti.

Sheldon Mills, direttore esecutivo ad interim della strategia e della concorrenza presso la FCA, ha dichiarato: “Questo divieto riflette quanto seriamente consideriamo il potenziale danno ai consumatori al dettaglio in questi prodotti. La protezione dei consumatori è fondamentale qui. La significativa volatilità dei prezzi, combinata con le difficoltà intrinseche di valutare in modo affidabile le criptovalute, espone i consumatori al dettaglio ad un alto rischio di subire perdite dal trading di cripto-derivati. Abbiamo le prove di ciò che sta accadendo su una scala significativa. Il divieto fornisce un livello di protezione adeguato”.

L’entrata in vigore del divieto è stata fissata per il 6 gennaio 2021.

Se necessiti di assistenza o vuoi far parte del network, Contattaci.

Lascia un commento