CRIPTOVALUTE – Cryptofunding

19 Luglio 2019 -

Ogni criptovaluta esaminata nel precedente approfondimento si presta ad essere adoperata dall’emittente per il c.d cryptofunding, ossia la raccolta di capitali per finanziare il proprio progetto.

Le Initial Coin Offering (ICO) sono state il sistema di finanziamento privilegiato dalle aziende in ambito Fintech fino al 2018, in ragione dell’assenza di normative ad hoc e, dunque, della semplicità di reperimento dei fondi rispetto al crowdfunding tradizionale e alle IPO (Initial public offering), ossia alla quotazione in borsa.

Proprio tali fattori, tuttavia, hanno determinato il verificarsi di numerose truffe e, conseguentemente, controlli più serrati sulla validità dei progetti, le relative autorizzazioni e la natura delle criptovalute offerte al pubblico, con conseguente diversificazione delle procedure:

ICO (Initial Coin Offering);

STO (Security Token Offering);

fondata sull’inquadramento o meno della criptovaluta quale strumento finanziario.

Questa breve analisi sarà propedeutica alla comprensione di quanto verrà esplicato nei successivi approfondimenti, ossia le ragioni che muovono i legislatori globali e l’impostazione da essi adotta nella regolamentazione delle cripto attività.

SOMMARIO

1. Modalità di raccolta

2. Modelli di raccolta

CONCLUSIONE

NOTE

1. Modalità di raccolta

Sotto il profilo operativo, la differenza più rilevante fra IPO ed ICO/STO è che queste possono avvenire all’inizio della vita della start up e quindi sono in grado di apportare capitali da subito.

Per tale ragione, si parla generalmente di cryptofunding.

A seconda del grado di sviluppo della start up al momento dell’offerta dei token si distinguono: 

  • pre sale – la blockchain e/o i token devono ancora essere sviluppati, con la conseguenza che al momento della raccolta degli investimenti esiste solo la prospettiva di una distribuzione futura dei token;
  • sale – la blockchain è già stata realizzata e i token vengono distribuiti fra gli investitori.

Essi, peraltro, potrebbero avere diritto ad ottenerne ulteriori in futuro.

Questi modelli, inoltre, possono essere pubblici o privati, nella misura in cui siano accessibili ad una pletora indiscriminata di utenti o, invece, ad una cerchia ristretta (su chiamata diretta o ad esempio in base a requisiti di carattere economico – investimento minimo).

Ne deriva che partecipare ad una offerta di token può comportare fattori di rischio ben più alti rispetto a quelli di una IPO, giacché, in base al modello adottato, la valutazione dell’investitore può essere fondata anche solo sulla reputazione del team di sviluppo e/o del c.d. “White Paper”.

2. Modelli di raccolta

  • Asta a prezzo fisso senza tetto dichiarato

Viene venduto un numero illimitato di token a un prezzo fisso per un periodo di tempo anche prolungato. 

  • Asta a prezzo fisso con tetto dichiarato

Gli investitori possono scambiare criptovalute o valute fiat per token:

  • per un determinato periodo di tempo;
  • e/o fino al raggiungimento della capitalizzazione ritenuta sufficiente all’avvio del progetto (c.d. soft cap) o dell’importo massimo che ci si è prefissati di raccogliere (c.d. hard cap). 

Questi tetti possono essere fissati congiuntamente, disgiuntamente o, ancora, essere svelati durante la ICO (c.d. hidden cap).

  • Asta olandese classica

Il prezzo richiesto inizialmente per il token, sufficientemente alto da dissuadere qualsiasi investitore, viene progressivamente abbassato fino a quando qualcuno non è disposto a comprare (all’uopo viene prefissato altresì un prezzo di riserva). 

I token dunque vengono distribuiti seconde le offerte (dalle più alte alle più basse) fino all’esaurimento o al raggiungimento della capitalizzazione desiderata. 

Considerata la particolare metodologia, infatti, i due fattori potrebbero non coincidere. 

Questo metodo viene spesso utilizzato quando si desidera una vendita rapida. 

  • Asta olandese inversa

L’elemento significativo di questo modello è il tempo di vendita impiegato per raggiungere il sold out dei token. Il numero complessivamente offerto è infatti limitato ma se la vendita termina il primo giorno, solo gli X% dei token totali vengono distribuiti tra gli acquirenti. Se termina il secondo giorno, X + Y% del totale dei token viene distribuito tra gli acquirenti e così via. 

  • Asta con raccolta e restituzione

Viene stabilito un contributo massimo conferibile da ciascun investitore, dando al contempo la possibilità di superarlo fino al sold out dei token. Alla chiusura della ICO, qualora la vendita abbia superato gli obiettivi di capitalizzazione agognati, gli acquirenti che hanno ecceduto il suddetto limite riceveranno il rimborso delle somme versate in più. Questo modello garantisce che possano partecipare il maggior numero di investitori possibile. 

  • Asta con tetti misti

Adotta un misto dei metodi fin qui descritti, impostando una serie di mini cap (soft, hard e hidden) ad intervalli specifici. Ciò limita l’investimento massimo che può essere effettuato per ogni blocco di capitalizzazione facendo incorrere l’acquirente in costi progressivamente maggiori.

CONCLUSIONE

Nel prossimo approfondimento verranno esaminati pro e contro del mercato secondario ossia quello che sorge una volta conclusa la raccolta, quando gli investitori, divenuti azionisti, decidono di rivendere le proprie quote per guadagnare dall’apprezzamento del titolo (il cosiddetto “Capital Gain”).

Se necessiti di assistenza o vuoi far parte del network

Contattaci

Lascia un commento